News » AFFITTI: TORNA IL CONTANTE
28/02/2014
AFFITTI: TORNA IL CONTANTE
Affitti: torna il contante. Pagamenti tracciabili solo sopra 1.000 euro Gli affitti potranno essere nuovamente pagati in contanti fino al limite di 999,99 euro. La marcia indietro arriva direttamente dal dipartimento del Tesoro che boccia la norma che ha introdotto il divieto di usare il contante per le locazioni abitative – per qualsiasi importo – contenuto nella legge di stabilità (legge 147/2013, articolo 1, comma 50) ed entrata in vigore il 1° gennaio 2014. COSA CAMBIA Il chiarimento del Tesoro permette di pagare in contanti gli affitti abitativi fino a 999,99 euro e "sana" anche la situazione di quei proprietari che hanno ricevuto il canone in denaro a partire dal 1° gennaio 2014. Nessun problema neppure per le locazioni dei box auto e di tutti gli immobili non residenziali, che non erano toccati dalla "stretta" contenuta nella legge di stabilità. Attenzione: in caso di più inquilini, il limite di 1.000 euro, a partire dal quale scatta l'obbligo di tracciabilità, va riferito al singolo pagamento e non al canone pattuito. Ad esempio, se il canone è di 1.200 euro, ma viene pagato da tre studenti, ognuno può consegnare i propri 400 euro in contanti senza rischiare sanzioni. NESSUNA SANZIONE Con la modifica vengono cancellati anche i dubbi sulla possibilità di applicare sanzioni a chi ha incassato canoni di locazione abitativa in contanti al di sotto dei 1.000 euro. La multa prevista dalla normativa antiriciclaggio, infatti, si applica solo per chi trasferisce somme di denaro da 1.000 euro in su senza utilizzare strumenti di pagamento tracciabili. La sanzione va dall'1 al 40% dell'importo trasferito, con un minimo di 3.000 euro.